03:39 - 25 °C

Circuito di Monaco

Grand Prix de Monaco

Circuito mitico per eccellenza, tutti i piloti hanno sognato di vincere sul tracciato di Monaco che è il più lento ed il più difficile del Campionato del Mondo di Formula 1. Cio si merita perchè il minimo errore nelle strade del principato è fatale, le macchine non si adeguano ai contatti con le protezioni che delimitano questo circuito, queste non sono permanenti e dunque installate per l’occasione nella città .

Le qualificazioni sono sempre determinanti, i sorpassi in corsa essendo quasi impossibili. Tuttavia, gli abandoni restano elevati, una condotta regolare puo assicurare un posto nei punti.

Fu il secondo circuito della storia ad essere percorso dalle formula 1 nel 1950 (21 maggio), dopo Silverstone, ma aveva già ospitato delle corse dal 1929. Resta uno degli ultimi « circuiti di uomini » dove il talento del pilota puo ancora fare la differenza (Ayrton Senna lo vinse 6 volte, 5 di seguito fra il 1989 ed il 1993).

Grand Prix de MonacoIl tracciato, che è restato quasi identico dal 1950, è lungo 3.340 km. Passata la linea, ci si ritrova di fronte alla prima curva a Santa Devota, luogo di vari scontri alla partenza.

La pista sale fino al sinistro-destro molto stretto del Casino, discesa fino alla curva a destra del Mirabeau. Continua fino alla curva la più lenta del campionato : Virage Fairmont (ex Virage Loews), dove si trova il Fairmont Hotel Monte-Carlo. La sezione Portier conduce al mare, dove la pista passa sotto un tunnel per uscire alla « chicane » vicino al porto. Viene poi la curva a sinistra del « Bureau de Tabac », la sezione della Piscina, poi la curva a destra della Rascasse, seguita dalla curva Anthony Noghes, poi infine la linea degli stand.

Monaco Grand Prix track

Numero di giri : 78
Lunghezza del circuito : 3.340 Km
Distanza di gara : 260,52 Km

Il circuito di Monaco a subito qualche trasformazione dalla sua creazione :

1973, la strada della piscina che a permesso d’installare gli stand sul molo,
1976, due nuove « chicane » sono installate rispettivamente a Santa Devota ed all’uscita della curva a gomito della Rascasse,
1986, l’allargamento del Quai des Etats-Unis permette la creazione di una nuova « chicane,
1997, il primo « S » della piscina è ridisegnato e porta d’ora in poi il nome di curva « Louis Chiron ».
2003, la prima fase di sistemazione del circuito a riguardato solo la parte sud del porto. 5000 metri quadri di terreno sono stati presi sul mare. Il circuito fra il 2ndo « S » della piscina e la Rascasse è stato spostato di 10 metri dal luogo iniziale e completamente ridisegnato. Collocazione di una « chicane » all’uscita della 2nda curva della piscina,
2004, la realizzazione dei lavori riguardano il raddoppio della larghezza della zona degli stand al livello del Boulevard Albert 1er, con la creazione di un’edificio sulla vecchia pista fra la piscina e La Rascasse. Dei nuovi stand rappresentanti una superficie di 250 metri quadri saranno messi alla disposizione di ogni scuderia.

Lieux-dits Kmh Rapport boîte 6
lère ligne droite après le départ 264 6
1 Virage Sainte-Dévote 86 2
2 Montée Beau-Rivage 254 6
3 Virage Massenet 130 3
4 Virage du Casino 114 3
5 Virage Mirabeau 75 2
6 Virage Fairmont (Loews) 45 2
8 Virage du Portier 80 2
9 Tunnel 250 6
10 Nouvelle Chicane 55 2
12 Virage du Tabac 132 3
13 Virage Louis Chiron 79 2
15 Face aux Tribunes T-W 178 3
16 Virage de la Rascasse 50 2
17 Virage Anthony Noghes 77 2
18 Ligne d'arrivée 271 6

Iscriviti alla newsletter


Manifestazioni a Monaco